Questi ultimi due anni di pandemia mi hanno costretta a stare lontana dalla Normandia. L’ultima volta che sono riuscita a raggiungerla è stato sei mesi fa. Finalmente ora sto per tornarci: mi è mancata così tanto! Proprio oggi ho ritrovato alcune foto che feci nella celebre casa di Claude Monet a Giverny, due estati fa. Riguardandole ho immaginato di trovarmi in questo luogo magico, un must per chiunque visiti la Normandia.

Il Clos Normand

Ogni anno milioni di persone provenienti da ogni angolo del Pianeta visitano il Clos Normand, la proprietà dove il pittore francese visse con la sua famiglia dal 1883 fino alla sua morte, nel 1926. Qui si respira arte e bellezza. E una pace infinita. Ricordo chiaramente che durante la visita avevo spesso l’impressione di sentire i passi di Monet, pensavo “ecco, ora entra da quella porta e si siede sul divano, a fumarsi un sigaro o a leggere un libro”…

Il giardino di Monet

Per non parlare del celebre e sorprendente giardino che avvolge la casa con i suoi profumi e i suoi variegati colori. Un giardino che Monet, amante della pittura e della botanica, curava personalmente, e che fu una delle principali fonti di ispirazione.

Mi fa piacere condividere con voi le foto che ho scattato in quella occasione: una boccata d’ossigeno in questi terribili giorni di guerra. E vi do un consiglio: appena potete andate a Giverny! Non ve ne pentirete.

Elisabetta Malvagna

Giornalista, autrice e blogger, qualche anno fa ho scelto la Normandia come mia seconda Patria. Amo la scrittura, la fotografia e il cinema. Il silenzio e la natura. Non posso vivere senza il caffè, la cioccolata e la musica. Ho fatto un milione di cose nella vita, dalla cronista parlamentare all'inviata musicale, dalla fotografa all'attivista della nascita naturale.

Potrebbe anche interessarti...

Grazie del commento! Annulla risposta